Abilitazione insegnamento, tutto quello che devi sapere

   
Abilitazione insegnamento, tutto quello che devi sapere

L'abilitazione all'insegnamento è il sogno di molti aspiranti docenti, ma spesso può rivelarsi un percorso lungo e tortuoso. Come è possibile abilitarsi all'insegnamento?

Come abilitarsi all'insegnamento

Da quest'anno, per le scuole medie e superiori, c'è un unico modo per diventare insegnanti: partecipare a un concorso che si terrà nei prossimi mesi, superato il quale si potrà avere l'abilitazione e il ruolo.

I concorsi saranno regionali e saranno per titoli ed esami. Possono accedere al concorso, per i posti di tipo comune, gli aspiranti in possesso dei seguenti requisiti:

a) laurea magistrale o a ciclo unico oppure diploma di II livello dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica oppure titolo equipollente o equiparato, coerente con le classi di concorso vigenti alla data di indizione del concorso;

b) 24 crediti formativi universitari o accademici (CFU/CFA), conseguiti in:

  • forma curricolare (inseriti nel piano di studi);

  • aggiuntiva (conseguiti entro il percorso di laurea ma aggiunti al piano di studi);

  • extracurricolare (esami dopo la laurea) nelle discipline antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche, garantendo comunque il possesso di almeno sei crediti in ciascuno di almeno tre dei seguenti quattro ambiti disciplinari: pedagogia, pedagogia speciale e didattica dell’inclusione; psicologia; antropologia; metodologie e tecnologie didattiche.

    Il bando di concorso nazionale per insegnanti già abilitati è già uscito. Il prossimo concorso sarà rivolto agli insegnanti che hanno 3 anni di servizio, quindi non necessitano dei 24 CFU per partecipare al concorso.

    In seguito ci sarà il bando di concorso per non abilitati.

Insegnare sostegno senza abilitazione

Il primo step da seguire è quello di partecipare ad un concorso pubblico nazionale indetto su base regionale o interregionale. Tuttavia, per partecipare a questi concorsi bisognerà avere un titolo specifico.

Nel dettaglio, per diventare insegnanti di sostegno nella scuola d’infanzia o primaria, è necessario seguire un “corso di specializzazione didattico e l’inclusione scolastica” a cui possono partecipare solamente i laureati della magistrale a ciclo unico in Scienze della Formazione Primaria che abbiano conseguito ulteriori 60 crediti formativi universitari relativi alle didattiche dell’inclusione.

Il corso di specializzazione ha una durata annuale ed è strutturato in 60 crediti formativi universitari, comprensivi di almeno 300 ore di tirocinio (corrispondono a 12 CFU).

Per diventare docente di sostegno nella scuola secondaria (sia di primo che di secondo livello) c’è bisogno di un “corso di specializzazione in pedagogia e didattica”.

Anche a questo possono partecipare solamente i laureati magistrale a Scienze della Formazione Primaria.

Il percorso è annuale nel corso del quale bisognerà conseguire 60 CFU, comprensivi di almeno 300 ore di tirocinio. Gli aspiranti docenti di sostegno che superano il concorso saranno ammessi ad un successivo percorso triennale di formazione iniziale e tirocinio.

Infine i candidati dovranno superare una procedura di accesso ai ruoli a tempo indeterminato, previo superamento delle valutazioni intermedie e finali del percorso formativo.

Diplomi abilitanti all'insegnamento

In generale, i titoli che consentono l'accesso alla professione di insegnante di ruolo sono, per la scuola dell'infanzia e primaria:

- Laurea in Scienze della formazione primaria (titolo abilitante all'insegnamento - art. 6, L. 169/2008);

  • Diploma Magistrale o Diploma di Liceo Socio-Psico-Pedagogico conseguito entro l'anno scolastico 2001-2002 (DM 10 marzo 1997) (titoli abilitanti all'insegnamento).

Insegnare senza abilitazione

E' possibile intraprendere il percorso di insegnamento anche senza possedere un'abilitazione, presentando la propria candidatura alle scuole tramite la messa a disposizione, ovvero la propria disponibilità a insegnare.

Per inviare la messa a disposizione non è pertanto necessario avere un'abilitazione.

Si può essere pertanto convocati dalle scuole in caso di necessità, e la valutazione verrà effettuata in base al curriculum.

ENTRA NEL MONDO DI SUPPLENTI.IT